Co-design come progettazione collettiva

Co-design definito come Participatory design o, nell’accezione italiana, progettazione partecipativa è un approccio di progettazione che tenta di coinvolgere attivamente tutti i portatori di interesse.  Impiegati, partner, clienti, cittadini, utenti finali, sono coinvolti nel processo di progettazione col fine di contribuire e garantire il prodotto. Ma vediamo assieme questa strategia lavorativa

Che cos’è il Co-design

Il Co-design, design partecipativo o co-progettazione è un approccio che coinvolge un gruppo di stakeholder nella fase di generazione delle idee. Più in generale li coinvolge nelle  fasi di progettazione di un concept, un prodotto o un servizio. Obiettivo quello di condividere i bisogni di tutti e definire insieme le linee guida di un progetto.

Le attività sono strutturate in modo da far dialogare tutti i partecipanti del workshop trasformandoli in co-autori del progetto. Sullo stesso tavolo lavoreranno persone con competenze e livelli operativi diversi,  con l’obiettivo di convogliare e allineare le loro idee verso un obiettivo comune. Si potrebbe dire che il concetto si accosti molto a quello di Co-working, spazi comuni in cui si ritrovano professionisti con skills e ruoli differenti.

Dove nasce?

Il co-design non è una pratica nuova. Le origini delle pratiche risalgono agli anni ’60 quando in Scandinavia i sindacati si battevano per il diritto dei lavoratori di Co-progettare i sistemi IT che avevano un impatto sul loro lavoro.

Negli Stati Uniti a partire dagli anni ’70 il termine cambia in “design partecipativo” e la necessità di coinvolgere gli utenti finali nella ricerca guadagna sempre più consenso.

Negli anni 80 l’approccio viene ripreso anche da altri settori e Donald Norman pubblica il suo famoso libro “Design of Everyday Things” nel quale conia il termine “user-centered design” e segna così il passaggio ad una mentalità progettuale focalizzata su sistemi olistici e bisogni umani.

Il termine si evolve successivamente in “human-centered design” e in Design Thinking più in generale.

Leggi anche

2018-09-12T13:41:33+00:00