Giovani e Aziende

Dialogare e contaminarsi per costruire nuovi modelli di innovazione, fare business e promuovere forme di collaborazione tra aziende. Fornire strumenti concreti per l’ingresso nel mondo del lavoro.

 

Tanti i giovani intervenuti al Contaminaction 2018, nella splendida location di Villa Mondragone a Monte Porzio Catone. Promuovere la contaminazione tra mondi diversi, tra professionisti e aziende, ma soprattutto mettere in rete giovani, imprenditori, startupper e manager. E’ stata questa la mission dell’evento, giunto alla sua terza edizione.

Contaminaction-2018

 

Giovani e millenials: c’è la contaminaction!

In una errata consapevolezza diffusa, secondo cui la fidelizzazione dei giovani e soprattutto dei millennials sia complicata e difficile da parte delle aziende, si è inserita prepotentemente la nostra Contaminaction.

Notevole l’attenzione con cui i ragazzi hanno seguito gli speech  e hanno partecipato attivamente, segno evidente che la contaminazione è avvenuta con successo.

 

L’opportunità della University

 

Nella sala University, coordinata dal direttore della Contaminaction University Edoardo Bellafiore, numerosi studenti tra i 17 e i 25 anni hanno incontrato recruiters di diverse aziende e si sono “contaminati” con loro. Tra gli altri, Giancarlo Orsini (Training Manager Banca Mediolanum), Luigi Falasco (IS/IT General Manager Renault), Gian Luca Comandini (CEO e founder You&Web e opinionista Rai), Gino Cuminale (Imprenditore La Pariolina, Ercoli, Porto Fluviale), Valentina Marini (founder GalateoLinkedin), Luigina Sgarro (Coach, consulente aziendale e docente Tor Vergata), Gherardo Liguori e Virginia Tosti (fondatori Start 2 Impact) e molti recruiters e specialisti Risorse Umane, tra cui Roberta Lucia, Caterina Ruggiero, Annachiara Porrà Giuseppe De Bellis, Sara Labanti, Anna Parisi, Vitaliano Chiarella, Maria Grazia Bardo, Claudia Bonanno.

Focus d’obbligo sulle skills for employability: i recruiters hanno fornito elementi e consigli preziosi per l’ingresso nel mondo del lavoro, soprattutto per quanto riguarda le modalità di acquisizione delle giuste competenze.

 

L’interattività

Il gioco a squadre del job quiz ha dato la giusta dose di interattività, requisito essenziale per i ragazzi al fine di stimolare la loro attenzione con una modalità leggera ed efficace e soprattutto su elementi concreti come la stesura di un CV o le modalità di un processo di selezione.

Interattività tra giovani e aziende

 

I colloqui per la University

Infine, l’apice della contaminazione, ovvero il colloquio conoscitivo che ogni studente ha sostenuto con i recruiters per l’ingresso nella Contaminaction University. La stessa, come ben ricordato dal direttore Edoardo Bellafiore, mette a disposizione dei giovani l’opportunità di scegliere tra 25 figure professionali per personalizzare il proprio percorso formativo, nonchè uno stage retribuito o un contratto a tempo determinato per l’inserimento nel mondo del lavoro. Inoltre, compresa nell’innovativa offerta formativa la possibilità inoltre di un’esperienza nella Silicon Valley per visitare colossi come Facebook, Linkedin e Amazon.

 

Innovazione del futuro con Giancarlo Orsini

Da ultimo, come ben sintetizzato da Giancarlo Orsini, nel suo lungo e visionario intervento su “giovani e lavoro”:

“Parlare di progresso, oggi, è difficile. Il mondo sta cambiando repentinamente  e dobbiamo convincerci che non sarà la specie più forte a sopravvivere, ma semplicemente quella più incline ai cambiamenti, che saprà sviluppare le idee migliori e rischiarle, mettendole in campo.”

Ecco, tutto ciò passa per una completa e concreta formazione verso chi avrà la responsabilità di guidare l’ innovazione del futuro, i giovani. L’”indottrinamento” fine a se stesso lascia spazio alla contaminazione.

Articoli recenti

Archivi

2018-07-03T16:24:10+00:00